Grande successo dell’edizione 2018 di Abbots Way

155

L’ “Abbots Way” si conferma come ogni anno un grande successo. Un successo in termini di partecipanti, di organizzazione, di indotto che sta attorno a questa grande manifestazione, che ha portato oltre duecento podisti a terminare il proprio tracciato a Pontremoli. Partiti da Bobbio all’alba di sabato 28 aprile gli atleti sono giunti a Pontremoli in serata e per l’intera nottata, stanchi ma soddisfatti di essere riusciti a terminare i 125 chilometri che hanno percorso sull’antica via degli Abati, ancora oggi meta di numerosi pellegrini e amanti della natura. A primeggiare su tutti Carlo Salvetti, appartenente al team “Elle Erre Sound”, originario di Bergamo e due volte campione italiano di Ultra Trail. C’era ancora la luce del sole quando Carlo Salvetti ha varcato il traguardo tra gli applausi e l’entusiasmo generale, concludendo la sua prestazione in 13 ore e 31 minuti.
Gli oltre duecento atleti hanno potuto scegliere tra le tre modalità con cui affrontare l’ultra maratona: tappa unica o tramite una sorta di staffetta, detta “Express team”, con quattro o due atleti che si passavano il “testimone” e percorrevano ognuno un tratto di competenza. La premiazione si è poi svolta domenica mattina, alle 12, in piazza Italia, dove il traguardo era stato varcato durante la precedente serata e l’intera nottata.
Un grande successo che vede l’alternarsi per Bobbio e Pontremoli di arrivo e partenza. E se quest’anno il traguardo è stato il Comune del Campanone, il 2019 vedrà a Pontremoli la partenza, all’alba, dei podisti alla volta di Bobbio.
Organizzata come ogni anno dall’Associazione Sportiva Dilettantistica “Lupi d’Appennino”, ha visto la collaborazione di numerose realtà dei territori attraversati, che si sono messi a disposizione come supporto, punti di ristoro e molto altro.
Un successo che è stato il frutto di una buona sinergia ed impegno. Per questo il Comune di Pontremoli ringrazia chi ha messo a disposizione il proprio tempo e la propria volontà, rimanendo svegli anche per l’intera nottata per permettere a tutti gli atleti di terminare in sicurezza il proprio percorso: la Parrocchia della Cervara, con Michela Rossi, Claudio Cocchi e Roberto Pizzanelli; la Pro Loco di Pontremoli, con Fabrizio Cavellini, Massimo Lecchini, Marco Boni ed Elisabetta Gussoni; la Protezione Civile di Pontremoli, con Marcello e Andrea Angella; la Venerabile Misericordia pontremolese con Beatrice Perfigli e Mattia Cabrelli; privati cittadini che si sono prestati ad essere di sostegno come avvenuto nella frazione di Cervara o volontari di Pontremoli come Alessandro Bertolini e Armando Mastroviti.
Tutti, ognuno con la loro disponibilità, hanno portato un contributo alla riuscita di questa manifestazione, che dà l’appuntamento all’anno prossimo. Quando, siamo sicuri, l’entusiasmo e il successo rimarranno invariati, anzi, probabilmente saranno ancora maggiori.