Il Rock Lunigianese “ignorante” dei Patona Republik ospite dei 20 di Fara

1189

Rappresentano il fenomeno Folck Rock Lunigianese più vivo e seguito.
Sabato sera alle 21-45 suoneranno ai macelli di Pontremoli ospiti del 20 di Fara, la grande festa del Farafulla che festeggia i 20 anni di calcio giocato.
Loro sono i Patona Republik;

Nascono nel 2010 in una fumosa sala giochi del Bar Fringuello a Scorcetoli.
Sarebbe meglio dire al Cantiere di Scorcetoli, perché i “Patonas Bros” come casa loro, sono da sempre un cantiere in fermento, fra idee, iniziative e progetti in divenire.

Davide “Rainbowman” Terzi (chitarra solista), Matteo “Sgarbi” Moscatelli (basso), Paolo “Pancio” Moscatelli (batteria) e Davide “Sica” Sica (voce e chitarra).
I Patonarepublik sono questo: amicizia, dialetto e rock.
Rock nelle sue diverse sfaccettature, tanto che risulta impossibile definire un genere di appartenenza se non con la parola “Mnestron” (minestrone).

Dal rock classico al punk, dallo ska al folk, la produzione musicale dei Patonarepublik è essenzialmente composta di due momenti.
Il primo esclusivamente nostrano, fatto di cover di pezzi rock famosi rivisti musicalmente e con testi completamente stravolti in chiave dialettale.
Canzoni che raccontano di fatti e personaggi della vita lunigianese e dove la goliardia e la voglia di divertirsi la fanno da padrona.

Il secondo, decisamente piu’ serio ed in italiano, riguarda la produzione originale di testi e musiche, con tematiche che affrontano la quotidianità, l’ introspezione e le sfide piu’ o meno grandi che il mondo contemporaneo ci pone davanti.

Nel 2012 vede la luce il loro primo album omonimo contenente pezzi diventati in seguito (fatte le dovute proporzioni) dei veri cavalli di battaglia come “Il delta del Caprio”, “Focus per Bacco”,“Viva Scorsedal” e “Knock al mnestron”.
Il disco viene registrato a novembre nei Moonlight Studios di Parma e trova al suo interno, oltre alle succitate canzoni, altre 5 tracce: “Al di sopra anche di Lui”, “Mente libera”, “Implosione”, “Sentiero notturno” e “N.9”.

Il biennio 2013/2014 sarà tutto live, energia e divertimento.
Nel 2013 vengono selezionati fra le 26 band del contest nazionale di Live music Lombardia, una bella esperienza formativa che gli permette di conoscere e fare amicizia con gruppi, come i savonesi Psycho Vandals e i lucchesi Maneggiare con cura (vincitori di quella edizione).
Per la prima volta volta sono trasmessi in radio .fm da RadioA, emittente lunigianese che con non poco stupore per gli ascoltatori passerà dopo Joe Cocker la ballata “Il delta del Caprio”.

Nell’ aprile 2015 viene registrato ai Nautilus Recstudio di Carrara il secondo album “Grup”.
13 tracce equamente divise fra “serie” e “goliardiche”.
Diventeranno fra le piu’ cantate dal gruppo canzoni come “Al fie dal Low”, “The grass Cake”, “Gin ad Bi Gud”, “Anna e il Vento”, “Indifferenza”, “Solubile” e “Francigena”.
Quest’ ultima presentata a novembre dello stesso anno in un incontro sul tema tenutosi alla Pieve di Sorano, alla presenza di addetti al settore turismo (fra cui il presidente della Via Francigena italiana Tedeschi) ed in seguito trasmessa piu’ volte dalla web radio tematica Radio Francigena.

Il 2015 proseguirà cosi’ come il 2016, fra live in giro per locali e feste lunigianesi , passando per il 15/7/16 con l’ apertura al concerto pontremolese dei Modena City Ramblers, piacere ed onore toccato un anno prima agli amici Sgt. Calaca.

Il 2017 li ha visti poi presenti al festival lunigianese “Volerock” di Moncigoli.
Quest’ anno segnerà poi anche l’ abbandono dei vecchi e cari Rocka Studios (nome della vecchia sala prove sita alla Rocca Sigillina) per i Gigliana’s Studios.
Il 2018 è ancora in corso e un nuovo album e’ alle porte e il Concerto ai Macelli ne è evento principe.