Via Francigena più pulita grazie a Cai Sezione di Pontremoli e Fivizzano

97

Sembra che in questa estate appena cominciata a farla da padrone, nonostante le temperature incerte e il clima ancora un po’ indeciso, sia il desiderio di fare rete, di mettere in comune ognuno le proprie forze per fare della Lunigiana un prodotto con un unico biglietto da visita, con un brand forte e definito, in grado di implementare la tendenza positiva che negli ultimi anni si è registrata in termini di turismo e visibilità.
Per questo la convenzione che nella giornata di ieri è stata definita tra la maggior parte delle realtà che costituiscono l’Aggregazione Nord della Via Francigena Toscana e il Club Alpino Italiano (Sezioni di Pontremoli e Fivizzano), costituisce un ulteriore passo in avanti per quello che riguarda un turismo sostenibile, inclusivo, sicuro ed efficiente.
Il Comune di Pontremoli, in qualità di Capofila dell’Aggregazione Nord della Via Francigena che comprende anche Filattiera, Villafranca, Bagnone, Licciana Nardi, Fosdinovo, Aulla, Carrara, Massa e Montignoso, è andato a segnare una data davvero importante per la storia del territorio. La Via Francigena, grande patrimonio storico e naturalistico che attraversa quasi per intero la realtà della Lunigiana, diventa motivo per cui mettere in comune risorse e coinvolgere associazioni ed Enti che fanno parte dell’intera comunità, per permettere a chi ogni giorno accede all’antico tracciato, di godere di un percorso pulito, sicuro e alla portata di tutti.
Le due sezioni Cai, quella di Pontremoli, che comprende i Comuni di Pontremoli, Filattiera, Bagnone e Villafranca, e quella di Fivizzano, per Aulla e Licciana Nardi, grazie alla convenzione ieri siglata, sono divenute le due responsabili del servizio di manutenzione ordinaria per quello che riguarda i tratti di competenza comunale della Francigena. A loro saranno affidatele risorse che la Regione affida al Comune capofila per la gestione di tali servizi. Non partecipano alla stesura e alla firma di tale convenzione i Comuni di Massa, Carrara, Montignoso e Fosdinovo, che, non essendo interessati da tratti boschivi, gestiranno autonomamente le quote di risorse assegnate.
Associazioni che diventano parte integrante dell’offerta turistica, Comuni che si mettono in rete per raggiungere un obiettivo più grande, più proficuo e positivo per tutti, per la Lunigiana e per tutto ciò che può offrire. Un intento dimostrato dalle varie autorità presenti ieri, al momento della firma, che hanno voluto sottolineare l’importanza del volontariato per la vita quotidiana di un territorio e l’esigenza sempre più marcata di fare rete.
Pontremoli, Filattiera, Villafranca, Bagnone, Licciana Nardi e Aulla insieme ai Cai Sezioni di Pontremoli e Fivizzano hanno firmato qualcosa di più di una convenzione. Hanno firmato un’unione di intenti, di scopi e obiettivi, di quelli che potranno essere risultati e traguardi, da raggiungere tutti insieme.
La Lunigiana continua il suo percorso, che unisce potenzialità e comuni interessi e si avvia verso quello che è il futuro del territorio, del turismo e delle risorse.